Caro Prof….ciao Giulio Forbitti

Nel giorno di Pasquetta se n’è andato improvvisamente il 70enne Giulio Forbitti, docente di Italiano e Storia all’ Istituto Primo Levi (ex Itc) di Sarezzo.
Conosciutissimo in Valle, non solo per la sua lunga attività di docente ma anche per quella di autore di testi per il gruppo teatrale “Gianluca Grossi” di cui facevano parte studenti, ex studenti e ragazzi diversamente abili. Un uomo indimenticabile per le sue doti umane, era il professore che si dedicava anima e corpo all’insegnamento non solo scolastico, ma che stimolava umanamente tutti, ti portava a riflettere. Viveva solo in città e da poco si era trasferito in una nuova casa, più confortevole con ascensore e un area verde ed è li che è stato rinvenuto esanime. “Era una persona sempre sorridente – ricordano gli ex studenti- gogliardico , pronto a tendere la mano, anche al di fuori. I suoi ragazzi erano una fonte di energia per lui”. Quando andò in pensione, l’Istituto Primo Levi gli dedicò un libro contenente tutte le commedie che aveva scritto. Aveva contatti ancora con ex studenti con i quali organizzava gite fuori porta o cene. “Quanti insegnanti sono passati attraverso la nostra vita – commenta una ex allieva- di alcuni ricordiamo il viso, o un episodio speciale, di altri neppure il nome. Lui è indimenticabile. Il profe Giulio Forbitti non era semplicemente “un profe di italiano” lui era il PROFE. Un amico, un uomo innamorato delle persone che gli erano affidate come allievi. Si è preso cura dei suoi ragazzi. Ha lottato come un leone per migliorare la scuola, per dare a ciascuno ciò che serviva per crescere. La sua arma migliore era la compassione attraverso la quale ha saputo tirar fuori da ciascuno il meglio. Grazie caro Giulio, ci mancherà la tua voce gentile”. Sarà tumulato il 15 aprile nel cimitero di san Bartolomeo alle porte della città. Lascia nel dolore il fratello Giorgio, la famiglia Troiano con la compagna Felicia, e la famiglia Bettineschi.

 
Questa voce è stata pubblicata in Homepage, Personaggi. Contrassegna il permalink.