A Sarezzo “Tracce” di Tiziano Ronchi

Questa sera, venerdì 1 ottobre alle 19 a Palazzo Avogadro a Sarezzo verrà inaugurata “TRACCE. Tracciarsi con l’Altro e con Natura”, mostra personale di Tiziano Ronchi a cura di Giulia Palamidese e Natalie Zangari. La mostra resterà aperta fino al 17 ottobre nei giorni di sabato e domenica, dalle  19 alle 23. Sabato 16 ottobre alle 20, l’artista eseguirà una performance che porterà all’evoluzione dell’opera duaLove.

Per la visita della mostra, ai sensi del DL 23/07/2021, è obbligatorio essere in possesso del Green Pass.

“Geografia” significa una descrizione, o scrittura, della Terra. Secondo questa connotazione – e seguendo le poetiche e frammentate descrizioni visive dell’artista Tiziano Ronchi – l’Essere Umano è di per sé Geografia, poiché protegge e conserva nel suo Io più intimo e profondo le Tracce e le Impronte che la Natura ha lasciato sul suo corpo e nella sua psiche.

È in questo universo di unione e comunione tra l’Essere Umano e la Natura, che la Traccia diviene simulacro, una grafia – per l’appunto – che determina e dimostra il nostro esserci fatti vita e carne. La necessità di lasciare un’Impronta fa da sempre parte della natura umana: vi è come un bisogno di imprimere un Segno che perdurerà per sempre, un Segno in grado di raccontare la nostra vera essenza, il nostro Essere.

Il percorso della mostra si pone come obiettivo l’analisi e l’osservazione del legame intrinseco che intercorre tra Uomo e Natura e allo svisceramento del rapporto tra Noi e l’Altro, incarnato dal flusso delle sensazioni e delle emozioni che si fanno Tracce.

Come afferma l’artista “la Traccia è la scrittura della nostra vita, il Segno più tangibile di un passaggio, di un passato, di un processo, un’espressione del presente, un codice per il futuro che scaturisce da un’emozione privata, fluida, sessuale, un alfabeto interiore che ci permette di entrare in contatto con l’origine del mondo e l’essenza più profonda di noi stessi”.

Tiziano Ronchinasce nel 1995 a Brescia, dove vive e lavora. Laureato in Progettazione dell’Architettura presso il Politecnico di Milano e in Arti Visive Contemporanee presso l’Accademia di Belle Arti SantaGiulia di Brescia, traccia la propria quotidianità, attraverso cammino, viaggio, esperienza diretta, e contatto profondo con la Natura e con l’Altro.

 
Questa voce è stata pubblicata in Eventi, Homepage. Contrassegna il permalink.