A Gardone Val Trompia tre denucie per caporalato

A Gardone Val trompia, è scatta la denuncia per tre persone per caporalato e che sfruttavano  cinque lavoratori stranieri nell’ambito del volantinaggio e pubblicità. Un meccanismo criminale scardinato dalla Polizia Locale di Gardone Val Trompia – Corpo Intercomunale di Valle Trompia, guidata da Patrizio Tosoni che a conclusione di un’articolata attività investigativa ha denunciato tre soggetti di nazionalità pakistana per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.  I tre, di età compresa fra i 29 e i 62 anni, residenti nel bresciano, titolari di due ditte individuali operanti nel settore pubblicitario, sfruttavano 5 lavoratori stranieri quasi tutti richiedenti asilo politico, di origine indiana, pakistana e senegalese, per la distribuzione a piedi di materiale pubblicitario. I “dipendenti” erano costretti a camminare 8-9 ore al giorno, per poco più di 3 euro l’ora. Indagini ancora in corso invece nei confronti di altri due soggetti, rispettivamente titolare e collaboratore di una terza ditta operante nel medesimo settore, per analoga ipotesi di sfruttamento nei confronti di altri 7 lavoratori stranieri. Al vaglio degli investigatori in collaborazione con l’ispettorato del lavoro i contratti, le lettere di assunzione dei lavoratori e le relative buste paga, documenti peraltro mai consegnati ai lavoratori e di dubbia regolarità. A conclusione delle indagini, i tre soggetti denunciati  sono stati raggiunti da un Avviso di Garanzia emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Brescia, la quale ha iscritto i tre nel registro degli indagati per impiego di manodopera in condizioni di sfruttamento lavorativo approfittando del loro stato di bisogno. 

 
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.