Lodrino omaggia don Sandro

Il legame che unisce l’ex parroco Don Sandro Gorni con Lodrino, paese della Valle ove ha prestato il suo servizio dal 1992 al 2004 per 13 anni,  non si spezza. Anzi sembra rafforzarsi con il passare degli anni. Per ringraziarlo dei suoi tanti e concreti gesti di affetto, soprattutto versola banda santa Cecilia, la stessa ha commissionato all’artista EnnioBettoni un quadro in cui sono rappresentati alcuni scorci dei luoghi dalui amati: il Santel di santa Croce e, sullo sfondo, Lodrino circondatodalle belle montagne. Non manca il richiamo alla banda e alla musica e, inprimo piano, una pagnotta che vuole simboleggiare la sua umiltà.Una piccola delegazione del direttivo della banda composta dal presidenteDoriano Zappa, dal vice Giovanni Letti e da Claudio Leni si è recata in Poliambulanza ove attualmente don Sandro presta servizio per la consegna dell’opera.

Pubblicato in Curiosità, Homepage | Commenti disabilitati su Lodrino omaggia don Sandro

Lavori a Sarezzo sul ponte del Mella

A Sarezzo e precisamente a Ponte Zanano, è in previsione a cura della Provincia di Brescia una manutenzione straordinaria del ponte sul fiume Mella, tra le vie Petrarca e Via Alighieri. I lavori che avrebbero dovuto essere avviati i primi di gennaio, ma lo saranno certamente a breve, prevedono la conclusione il 5 febbraio. L’operazione comporterà il restringimento della carreggiata stradale e la chiusura temporanea del percorso ciclabile. I disagi e le code, saranno inevitabili; si precisa che questi lavori sono necessari e non differibili.

Pubblicato in Eventi, Homepage | Commenti disabilitati su Lavori a Sarezzo sul ponte del Mella

Serata di auguri a Lodrino

Il virus, non ha fermato a Lodrino lo scambio di auguri e le premiazioni previste per i nuovi nati e gli studenti meritevoli. Il tutto si è svolto prima delle festività natalizie, nel palasport che ha garantito adeguato distanziamento. L’amministrazione guidata da Bruno Bettinsoli, grazie al prezioso contributo di Cassa Padana, ha consentito oltre al momento dedicato allo scambio di auguri le premiazioni. A ricevere un riconoscimento, sono stati gli 11 nuovi nati nel 2020 (150 euro ad ogni bimbo). E’ stata poi la volta di 15 studenti meritevoli: 10 frequentanti la scuola superiore che si sono visti assegnare 200 euro e 5 universitari, che hanno ricevuto 300 euro. Ai 21 diciottenni è stata consegnata la Costituzione, auspicando venga letta e soprattutto applicata ed infine sono stati chiamati e premiati con una targa artistica i volontari del Gruppo Antncendio per i numerosi interventi fatti sui circostanti monti e per il costante servizio svolto nella comunità dall’inizio del Covid. E’ stata una serata coinvolgente e gratificante per tutti, e gli auguri finali hanno concluso in bellezza l’ incontro.

Pubblicato in Eventi, Homepage | Commenti disabilitati su Serata di auguri a Lodrino

A Gardone V.T. Sportello Rao per certificare l’identità della persona

L’anno nuovo, porta una bella novità. A Gardone Val Trompia dal 12 gennaio sarà attivato uno sportello Rao per certificare l’identità della persona ed ottenere attraverso i provider certificati le credenziali Spid. Lo Spid è un sistema di identità digitale utile per accedere ad una serie di servizi on line della pubblica amministrazione (per esempio Insp, Agenzia Entrate, Cashback di Stato). Gardone è tra i primi dieci comuni italiani a dotarsi di tale innovazione. A parlarne l’assessore con delega all’Innovazione tecnologica Roberto Bondio. “Sono felice di annunciare che la Città di Gardone Val Trompia è tra i primi 10 comuni in Italia ad aver attivato uno Sportello RAO (Registration Authority Organization) pubblico per aiutare i cittadini ad ottenere le credenziali SPID. È un piccolo segno che dimostra quanto crediamo nel processo di innovazione e digitalizzazione della Pubblica Amministrazione come strumento di semplificazione della vita del cittadino.”  Chiara Zaina, Responsabile dell’Area Innovazione Tecnologica annuncia: “Il Comune di Gardone Val Trompia è ora un soggetto autorizzato dall’Agenzia per l’Italia Digitale per effettuare la verifica necessaria per il rilascio delle credenziali SPID per tutti i cittadini gardonesi che abbiano compiuto 18 anni. Il servizio sarà disponibile dal 12 gennaio 2021 grazie alla collaborazione della Biblioteca comunale.”

Lo sportello è infatti ubicato all’Ufficio Biblioteca a Villa Mutti Bernardelli ed è possibile prenotare l’appuntamento tramite l’Agenda degli Appuntamenti On-Line, a disposizione sul sito del Comune, oppure telefonando allo 030 5782393. Per ottenere lo spid è necessario presentarsi con documento di identità valido (carta di identità, passaporto); la tessera sanitaria regionale; un indirizzo e-mail valido ed il numero di telefono del cellulare usato normalmente. È bene segnalare che questo nuovo servizio certifica l’identità della persona, non rilascia le credenziali SPID.

A seguito della verifica dell’identità, il cittadino dovrà poi completare la richiesta dell’attivazione delle credenziali SPID scegliendo uno degli Identity Provider disponibili (vedi alla pagina: https://www.spid.gov.it/scopri-le-pa-per-ottenere-spid).  

Pubblicato in Curiosità, Homepage | Commenti disabilitati su A Gardone V.T. Sportello Rao per certificare l’identità della persona

“Le botteghe della piazza & Co” di Sarezzo a sostegno di casa Rut

Per casa Rut con sede nella piazza di Sarezzo, la viglia di Natale è stato un momento davvero importante. L’iniziativa natalizia promossa dai commercianti di Sarezzo, “Le botteghe della piazza e Co.” che vede raggruppate sotto un’unica bandiera oltre 34 attività della piazza e non, ha consentito la raccolta attraverso le strenne natalizie di quasi mille e trecento euro. Il presidente di Casa Rut, Luca Marianini, dopo aver mostrato la sede e raccontato tutti gli interventi svolti sul territorio, ringrazia le botteghe per la generosa offerta e i negozianti hanno ringraziato tutti i clienti che hanno creduto in questa bella iniziativa. “Si sono realizzate centodieci borse -ha spiegato Tecla Guastalla una negoziante del centro- in cui dietro un’offerta minima di 20 euro, veniva consegnata una borsa contenente 9 oggetti (prodotti o buoni sconto) delle attività aderenti, consentendo un bel ritorno di immagine. L’iniziativa è andata al di la di ogni aspettativa, la crisi aiuta a consolidare l’anima delle persone. E cosa fondamentale ha visto i negozianti fare rete,  per supportarsi e confrontarsi reciprocamente”. Casa Rut è una realtà importantissima del tessuto sociale saretino, anche se poco conosciuta. In collaborazione con i servizi sociali del comune, supporta i più deboli. Ma non è solo un aiuto economico, chi vi accede prima di tutto affronta un colloquio, affinchè ogni persona mantenga la sua unicità. Casa Rut, confeziona pacchi alimentari, dona vestiario, o supporto economico. Quanto ricevuto, verrà utilizzato per sostenere queste attività. “Oltre a questa raccolta straordinaria- spiega Marianini- riceviamo supporto con il 5×1000. I generi di prima necessità ci vengono donati attraverso il banco alimentare, tramite alcuni supermercati e attraverso la raccolta domenicale (la terza del mese). Della stessa si occupano in oratorio gruppi di adolescenti. Da aprile a luglio di quest’anno, è stata un fondamentale aiuto “Spesa Sospesa” attiva all’Esselunga di Sarezzo. Ha consentito la raccolta di 1850 kg di viveri distribuiti ad un centinaio di famiglie”. Casa Rut gestisce un asilo nido, e in caso di necessità i volontari si prestano ad effettuare trasporto anziani che devono sottoporsi ad esami medici, o supporta le famiglie con l’aiuto compiti ai ragazzi. Una realtà voluta qualche decennio fa da don Francesco Bresciani e che sta dando i suoi frutti appieno.  Per chi volesse contattare Casa Rut può farlo al numero 030 801973 o 366.3333549 o via mail all’indirizzo associazione.rut@virgilio.it.

Pubblicato in Eventi, Homepage | Commenti disabilitati su “Le botteghe della piazza & Co” di Sarezzo a sostegno di casa Rut

Gardone per l’Africa

Un nuovo progetto “Contrasto alla denutrizione infantile in Burkina Faso” basato sull’autonomia e lo sviluppo locale, è stato messo in campo nel Burkina Faso dall’associazione gardonese «Amici di Ariwara».LA ONLUS  lo ha lanciato e gestito in collaborazione con l’associazione Cantieri innovazione,  e con «l’Association Paligwend Csps Ouagadougou», ed ha potuto contare inoltre sul contributo della Fondazione Museke onlus. Il progetto è stato sviluppato nell’arco di 10 mesi (dal novembre 2019 ad agosto 2020) a Tanlarkugri alla periferia di Ouagadougou. L’importo necessario a realizzarlo è stato di 22 mila euro ed i rispettivi responsabili sono, per l’Italia Giuseppe Salvinelli mentre per il Burkina Faso Clementine Zoma . Un primo progetto messo in campo nel 2019 per lo sviluppo e la produzione ortofrutticola e  la sua conservazione, ha visto coinvolti gli stessi attori, e dati gli ottimi risultati ora si replica concentrandosi sulla salvaguardia di mamme e bambini. Nel 2017 l’Unicef ha stimato che su una popolazione di 19 milioni di abitanti, la mortalità infantile legata alla denutrizione, fascia 0 – 5 anni era pari all’81,2/1000 ed il numero di bambini denutriti stimato in circa 500 mila. Nel 2018 su 3,5 milioni di persone Burkinabè colpite da insicurezza alimentare, il 10,4% sono bambini sotto i 5 anni che hanno sofferto di malnutrizione acuta e severa. La malnutrizione dei bambini, è conseguenza della povertà delle famiglie e dell’impreparazione delle mamme: il progetto ha sopperito con la tempestiva individuazione dei casi, con la formazione delle mamme e con la produzione di cibo terapeutico prodotto a costi ridotti con il lavoro delle madri, senza ricorrere ai cibi offerti dal mercato a prezzi inaccessibili. I beneficiari del progetto sono i bambini, ne sono stati coinvolti ottanta, suddivisi in due gruppi, recuperandoli tutti a livello nutrizionale. Localmente opera l’associazione Palingwend -CSPS guidato da Clementine Zoma per la cura di madre e bambino ed attivo dal  2014. Il progetto dell’associazione gardonese, è stato condiviso con il Csps inserito nella cultura locale. Le attrezzature rese disponibili dal progetto nello specifico un ecografo, consentono una diagnosi tempestiva della malnutrizione ancor prima della nascita. La disponibilità di attrezzature di trasformazione dei prodotti agricoli, rende indipendente il CSPS senza obbligo d’acquisto di cibo preconfezionato. Questa autonomia, consente l’autocopertura finanziaria, anche se l’associazione gardonese intende supportare ulteriormente il Csps per contrastare la malnutrizione infantile. Contrastando la malnutrizione ai primi stadi, si evita che essa diventi cronica con necessità di interventi sanitari e di ospedalizzazione. Per fare questo dopo la diagnosi di malnutrizione, si interviene in primisi sull’alimentazione della mamma. Inoltre il Csps, supporta e forma le mamme. In un impianto artigianale di trasformazione dei prodotti agricoli locali, si producono succhi e concentrati ad elevato potere nutritivo. Le mamme possono così produrre da se “Il super cibo” per i bimbi da 0 a 5 anni, pagando un prezzo simbolico. 

Pubblicato in Curiosità, Homepage | Commenti disabilitati su Gardone per l’Africa